DELIRIUM CREDENS

L’Italia cattolica riscopre il suo paganesimo idolatra e mercificante in occasione della trasferta a Roma della mummia del frate francescano Pio da Pietrelcina. Al corteo di auto trasportante la salma, per la sua esposizione a Roma come curiosità del giubileo papale, sono stati riservati i privilegi del trattamento spettante in Italia ai capi di Stato più importanti(!) quali il divieto di sorvolo di aerei e elicotteri e di mille(!) tra polizia e carabinieri, oltre a “reparti speciali” e tiratori scelti! (si vede che ministro di polizia è il chierico Alfano!), mentre turbe di esaltati correvano lungo il percorso per la “toccata magica”, tribale, woo-doo e apotropaica, dell’auto, ovviamente blindatissima, che trasportava il cadavere (c’è chi dice un manichino di silicone) svuotato e imbalsamato. E poi si parla dell’Uomo che è arrivato sulla Luna, di quasar, di buchi neri, di dna o trapianto contemporaneo di cuore-polmoni-fegato, e tanto altro progresso della scienza e quindi della ragione umana! Ma questo purtroppo è il prodotto del dogmatismo dottrinario e catechistico cattolico dopo duemila anni di corruzione e oscuramento dei cervelli e reificazione dello spirito. Siamo nell’“ecce homo” di Pilato e Nietzsche o, se si preferisce, in sanscrito, nell’induismo e nel buddhismo del “tat tvam asi”, cioè “tu sei questo”. E proprio “questo” è ancòra l’Italia cattolica del 2016 e.v.!
(pb)

AMARE LA LIBERTA' IMPLICA IL RISPETTO DEGLI ALTRI
di Paolo Bancale

In un perimetro esperienziale di vita, ove si sia capaci di vibrare per categorie etiche come libertà, onestà, fiducia, non v’è dubbio che se l’arbitro diviene giocatore, e ancor più se in modo subdolo, la pace, la condivisione e la coesistenza sono compromesse. Come lo scandalo che è stato reso pubblico dall’Uaar, per cui avviene una manipolazione fraudolenta ed occulta, con alterazione delle firme a vantaggio della chiesa e di organizzazioni cattoliche, delle designazioni fatte dai contribuenti per l’assegnazione del 5 e dell’8 per mille operata dai CAF, centri di assistenza fiscale, manovrati dal mondo cattolico. Dopo la denuncia dei fatti alla Corte dei Conti, la risposta di queste organizzazioni che cambiano la destinazione dei fondi all’insaputa dei propri assistiti è stata questa, impudente quanto penalmente rilevante trattandosi di un servizio fiduciario al pubblico: «È il programma stesso per la compilazione ad avere impostato in automatico “Chiesa cattolica” per il campo otto per mille e l’associazione Operatori di Misericordia Onlus per il cinque per mille» !!!!! Come non bastasse la martellante e costosa pubblicità vaticana su tv e stampa, ora anche questa squalificante truffa per dirottare miliardi di euro dall’Italia al Vaticano lascia sconvolti.
Il cittadino italiano, l’unico che può parlare in nome del suo Stato, è impotente di fronte a questa strisciante invasione lavica che tritura il senso dello Stato. E non stiamo parlando dell’ articolo 7 fatto inserire dai preti nella nostra Costituzione, ma di andazzi che subiamo: dall’invasione di crocifissi sui muri pubblici a queste truffe per danaro, dalla monotematicità papista delle tv di Stato alla ghettizzazione di conviventi e di omosessuali nella società italiana. Questo non sta bene: noi laici e noncredenti accettiamo e rispettiamo le religioni a partire da quella maggioritaria in Italia, ma chiediamo un gioco delle parti corretto, senza coltelli sotto il tavolo ed assi nella manica. E ci chiediamo: ma questa chiesa così soffocante vuole una convivenza all’insegna dell’equità, e mettiamoci pure della misericordia, o pretende di portarci alla sottomissione? Per noi vale sempre l’illuminista John Stuart Mill quando proclama: “La libertà di ognuno deve avere come unico limite la libertà degli altri”, parole di grande fair play che noi facciamo nostre accettando la massima libertà delle religioni purchè nel grande rispetto di chi non la pensa come loro.
Il presente papa sembra liberale e umano, qualsiasi cosa dica non muterebbe nulla nel mondo non cattolico mondiale che si riconosce nelle proprie culture e statualità, ma in questa Italia di baciapile potrebbe instaurare, solo che lo volesse, il dominio della autonomia di coscienza e della terzietà dello Stato rispetto ai culti, il suo compreso. Sarebbe la sua apoteosi politica. Ma il paradosso di tutto ciò è che, come cittadini, dobbiamo sperare nel consenso di un militante di Loyola vista la colpevole assenza di senso dello Stato degli eredi di Garibaldi e Cavour.

Nell'ultimo numero di NonCredo

l'ultimo numero di NonCredo

PROLOGO L'ATTUALITA'

amare la libertà implica il rispetto degli altri P.Bancale
indice dei nomi citati
religioni senza pace V.Salvatore
elogio della laicità V.Salvatore
dialogo con il direttore
libere opinioni
libri ricevuti
quel “gran rifiuto” P.Bancale

ETICA-LAICITA'

siamo prima italiani o prima cattolici? tricolore o parrocchia? P.Bancale
laicità italiana e novità vaticane M.G.Toniollo
la pena di morte nello Stato vaticano fino ad oggi E.delle Piane
se non ora che c’è Francesco, quando...? M.Staderini
la castità dei preti: colpevole utopia P.Bancale
il narcisistico dogma dell’infallibilità E.Galavotti
sesso e vaticano L.Berardi
centri di assistenza fiscale e consorterie cattoliche C.Batini
“più felici se si lavora sei ore invece di otto” V.Pocar
in cosa credono i mafiosi R.Carcano
disputationes laiche R.Morelli

RELIGIONI

tuttocome hai tempi di Lutero, ma purtroppo manca un Lutero D.Lodi
che cosa sono, come funzionano e che cosa ci insegnano i nuovi movimenti religiosi? S.Bigliardi
religioni, sessualità e mortificazione della donna P.D’Arpini
il popolo rosso: viaggio in un Islam compatibile L.Mazza
la riforma protestante e la questione delle indulgenze A.Carone
il pensiero del Buddha D.Lodi
le concezioni religiose nel paleolitico superiore E.Galavotti
logos teologico: un assurdo sconfinamento della ragione F.Primiceri

L'UOMO E IL SE'

andiamo al punto: chi sono io? R.Tirabosco
sulla bi-sessualità G.Aloi

PENSIERO UMANISTICO

il fattore divino nelle storia dell’uomo A.Cattania
Erasmo da Rotterdam e la religione D.Lodi
“... e gioiosamente, in coppia, li invitava ad unirsi” G.Aloi

PENSIERO SCIENTIFICO

la chiesa e lo sviluppo del pensiero scientifico A.Carone
Lavoisier: la scoperta dell’aria e dell’acqua C.La Torre

PENSIERO FILOSOFICO

Nagarjuna il grande filosofo della mente e della vacuità P.D’Arpini
matematica e metafisica IV C.Tamagnone

le Nostre Iniziative

   

realizzazioni rese possibili anche dalle molte offerte, donazioni, contributi e lasciti ricevuti per il perseguimento degli scopi culturali e umanitari delle Fondazione Bancale: un "grazie" a tutti i donatori

NonCredo Libri

Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati, oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. L’un compito è proprio del genio che crea, l’altro della perspicacia che perfeziona.
Denis Diderot, Interpretazione della natura §14

Privilegiate la vostra città

Al costo di un solo caffè al mese potete divenire
CITTADINI BENEMERITI
abbonando con alto spirito civico
la vostra BIBLIOTECA CITTADINA
alla pubblicazione NonCredo
alla metà del costo annuale di abbonamento
e cioè € 14,50 invece di € 29,00